ATTO N.4

Sound of Sorry Sound of Sorry

Sound of Sorry

Passa a schermo intero per un'esperienza coinvolgente

Sound of Sorry

Alza il volume

Sound of Sorry

Scorri per scambiare le voci

Sound of Sorry

Tocca per attivare la voce

Sound of Sorry

Sto caricando…
aspetta

Sound of Sorry
Sound of Sorry
Clicca sui personaggi
per attivare le loro voci

Sound of Sorry Sound of Sorry

FACE CRITICS THE SOUND OF SORRY

Tutti, prima o poi, abbiamo dovuto affrontare delle critiche. Per molti queste esperienze sono profondamente dolorose. L’integrità personale può aiutarci a perdonare, ma ci vuole coraggio per rimediare a un torto chiedendo scusa.

Invisibile all’osservatore, il coraggio è la virtù di chi osa. In questo esperimento sociale abbiamo offerto l’opportunità di ricostruire delle relazioni compromesse.

Come? Abbiamo invitato nove persone dalla critica facile a considerare il punto di vista delle loro vittime, con la speranza di accorciare le distanze. Abbiamo chiesto a ognuno di scrivere le proprie scuse su un piatto da portata e poi di consegnarlo personalmente alla vittima. L’obiettivo: rompere insieme il piatto, per simboleggiare una rottura con il passato.

LA STORIA DI ERIK E SUSIE

GUARDA ERIC CHE CHIEDE SCUSA
Uno dei miei obiettivi è vivere senza rimpianti

Al liceo Susie ha subito pesanti offese dopo che Erik, un suo compagno, si è vantato di averla sedotta, fatto mai accaduto. Dopo anni Susie ha chiesto a Erik di confessare la verità, ma lui ha preferito lasciar perdere e fino alla fine delle superiori, Susie è stata additata come “ragazza leggera” ed è stata oggetto di pettegolezzi.

Oggi Erik soffre di sensi di colpa e confessa che, nella sua vita, è questo il maggiore rimpianto. Con il passare degli anni è diventato un uomo di forti principi, e l'incapacità di ammettere pubblicamente il torto fatto lo turba enormemente. Ma ora ha la possibilità di scusarsi apertamente con Susie per l’accaduto. E spera che Susie trovi il coraggio di perdonarlo.

“Scusami se ti ho mentito, se ti ho ferito e per le conseguenze che ho causato.“

RIPRODUCI IL BRANO INTERATTIVO

LA STORIA DI JAY E BRENDAN

GUARDA JAY CHE CHIEDE SCUSA

Questa è la storia di Brendan e del fratello maggiore, Jay. Sin da bambini, Jay criticava Brendan qualsiasi cosa facesse. Brendan perciò è cresciuto cercando di non attirare mai l’attenzione su di sé, per evitare gli attacchi di Jay.

Anni dopo, cessate le prepotenze e in seguito al trasferimento di Brendan a New York, i brutti ricordi d’infanzia continuano a pesare sul rapporto tra i due. Jay vorrebbe riavvicinarsi e far parte della vita di suo fratello; vorrebbe scusarsi per essere stato così duro. Guarda e scoprirai se avranno il coraggio di rompere col passato e ripartire con una nuova relazione.

Probabilmente è il mio più grande rimpianto in 36 anni

“Scusa se sono stato sempre così duro con te. Sei un uomo incredibile.“

RIPRODUCI IL BRANO INTERATTIVO

LA STORIA DI LILY E MATTHEW

GUARDA LILY CHE CHIEDE SCUSA
Spero che riusciremo a perdonarci e che resteremo in buoni rapporti

Questa è la storia di Lily e Matthew, due ex che si sono lasciati su una nota amara. Il progetto di andare a vivere insieme è fallito miseramente con Lilly che prendeva tutte le decisioni per entrambi, mentre Matthew veniva escluso da qualsiasi scelta.

Lilly si rende conto che il suo comportamento ha distrutto la fiducia di Matthew. Con la ferita ancora fresca, Matthew non capisce il motivo dell'improvviso cambiamento. Lilly cerca l’opportunità per spiegare e scusarsi per come sono andate le cose. Guarda per scoprire se il coraggio li renderà liberi.

“Scusami, per non averti preso in considerazione.“

RIPRODUCI IL BRANO INTERATTIVO

FACE CRITICS È STATO PRESENTATO
DA RAY-BAN ROUND

COMPRA RAY-BAN ROUND

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy, ivi inclusa la possibilità di inviarti messaggi pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.